Le domande da fare prima di prendere una casa in affitto

Quali domande dovreste fare prima di prendere una casa in affitto? Ce ne sono alcune che possono fare davvero la differenza. Possono farvi capire quanto spenderete oppure se è davvero il caso di affittare quel determinato immobile oppure no. Con questi presupposti, andiamo a vedere a quali quesiti dovreste trovare una risposta prima di firmare il contratto di locazione.

Le informazioni che dovreste conoscere

Ci sono numerose domande da non sottovalutare, in quanto vi permetteranno di avere ben chiare tutte le informazioni di cui avrete bisogno per prendere una decisione definitiva. Vediamo quali sono le più importanti, da porre a chi di dovere prima di prendere una casa in affitto.

Cosa comprende effettivamente la somma di affitto?

A volte sembra scontato. Tuttavia, per non incorrere in eventi inattesi è doveroso evidenziare e mettere in forma scritta gli importi inclusi nel costo di affitto. Ad esempio, in alcuni casi sono comprese le spese di condominio, la tassa per i rifiuti e/o una o più utenze. Questa domanda potrà inoltre aiutarvi a fare una stima dei costi che non hanno a che fare con l’affitto.

Chi dovrebbe pagare i costi di riparazione?

Questa è un’altra delle domande da fare prima di prendere una casa in affitto. Di regola, queste spese devono essere pagate dal padrone di casa. Però, non sempre è così. Pertanto, in ogni eventualità, sarà bene sapere cosa ne pensa il proprietario, ma anche assicurarsi che gli impianti non presentino la necessità di imminenti e fondamentali riparazioni.

La zona è molto rumorosa?

Generalmente, quando controlliamo un locale che può essere affittato, ci tratteniamo per poco tempo. Perciò, è chiaro che non riusciamo sempre a comprendere se e quando la zona risulta troppo caotica. Il troppo caos può influire sul nostro benessere aumentando i livelli di stress e mettendo a rischio il corretto riposo. Quando si tratta di traffico (e di smog), si potrà anche riscontrare una riduzione dei livelli di qualità dell’aria respirata all’interno dell’immobile. Quindi anche questa è una domanda da fare prima di prendere una casa in affitto.

È possibile possedere animali domestici?

Diversi padroni di casa non amano gli inquilini a quattro zampe. Perciò, in caso si possegga un animale domestico, sarà fondamentale accertarsi delle eventuali limitazioni prima di firmare il contratto.

Nell’alloggio è presente un’alta percentuale di umidità?

Questa richiesta è essenziale, anche se purtroppo non sempre otterrete la verità. La presenza di notevoli livelli di umidità non per forza è rilevabile subito. Andando avanti nel tempo, però, essa potrebbe provocare grandi difficoltà, ad esempio rovinando l’arredamento e il vestiario. Potrebbe apparire la muffa in molte parti dell’immobile e potrebbero presentarsi odori sgradevoli. In sostanza, l’habitat diventerebbe malsano.

Non solo domande: serve anche un valido supporto

Avere un affittuario disponibile è molto importante per qualunque proprietario, ma anche ritrovare quest’ultimo ben disposto è assai significativo per l’inquilino che trova interessante affittare un alloggio. Tuttavia, questo non sempre accade. Affidandovi a professionisti del settore potrete godere di una maggiore tutela e risparmiarvi tantissimi problemi. Vi aspettiamo da Progetto Casa!

Commenti (0)